logo

Nature

Memorie - Germinazioni

L’indagine che questa esposizione affronta riguarda un dialogo ravvicinato tra il punto di vista sulla natura e il paesaggio sviluppato da due generazioni d’artisti veneti; del primo gruppo sono presenti in mostra opere degli anni ’50 e ’70 del secolo scorso, che per molti versi hanno trovato ispirazioni nelle armonie prima e nei drammi umani e sociali poi delle terre bonificate del Veneto orientale.

Continua con questa sezione l’approfondimento già iniziato due anni fa in occasione della rivisitazione storico e culturale del paesaggio della Bonifica della prima metà del secolo scorso e che tante sorprese e conferme aveva presentato in ordine alla qualità e alla consistenza delle opere e degli artisti che di quel periodo e del suo immaginario erano stati gli interpreti.

Il secondo gruppo, molto composito per età e linguaggi, è attivamente impegnato nella ricerca sui temi della natura e del nuovo paesaggio; ne vengono presentate una serie consistente di opere recenti, che illustrano una varietà stimolante di approcci al tema, tra nuova figurazione, concettualità e astrazione.

Prima sezione
Renato Borsato; Corrado Balest; Giovanni Barbisan; Piero Bertacco; Nando Coletti; De Cesare (Cesare de Manicor); Nico Callegher; Silvano Callegher; Franco Fregonese; Cesco Magnolato; Vittorio Marusso; Giorgio Di Venere

Seconda sezione
Andrea Baldo; Valerio Bevilacqua; Giovanni Cesca; Luciana Cicogna; Cristina Cocco; Gerold Meinster; Giancarlo David; Giani Sartor; Luigi Rizzetto; Francesco Stefanini; Terenzio Trevisan

*

MOSTRA A CURA DI
Giorgio Baldo

PROMOSSA DA
Comune di Torre di Mosto

CON LA PARTECIPAZIONE DI
Fondazione Terra d’Acqua; Minuti Arredamenti